PESCARA CITY BALLAD
 
La notte pulsa nelle vene di questa città milagrosa fenice rinata dagli abruzzi rottami dall’esperienze scontate dall’avventure finite dalle morti suicide dagli stop eliminati la notte pulsa nelle vene di questo
modello magico Pescara
 
La vita la festa l’alcol le mode i colori le luci la vita che bello! per dormire c’è tempo al camposanto! lu pesce lu crude lu calle lu fredde
c’è sempre alta marea a Pescara
 
Quell’occhi chiari da sempre m’incantano al fine oggi mi guardano e luminosi persino mi parlano
Funky Sexy Pescara
 
Musica inzuppandoci scolandoci addosso d’ogni angolo emozioni illusioni delusioni elusioni (nun rompe li cujioni) e a ondate fluiscono tutt’intorno i cari vecchi negativi ioni
nella Vecchia Pescara
 
Ci guardano a colori da bianchi muri moreschi i miti distrutti rinati spennati lamiere contorte deserti di sale sale deserte poi piene di gente d’amori e cafoni
tracima la gente di notte a Pescara
 
Di giorno lu traffico di notte lu traffico di coca lu traffico d’idee lu traffico (ma iete a fatià)
Si lavora duro a Pescara
 
E tu che mi prendi per il culo mentr’io stasera mandrillo ti volevo solo scopare  davvero piccola te lo volevo regalare
il cazzo dritto a Pescara
 
Amare in segreto non me ne frega più niente le cambio solo la faccia ma è sempre lei lei lei lei la donna la fica la mamma le cosce di fuori mostrate le tette velate le paranoie svelate qui le sbattete e come scudo le usate
belle grazie a Pescara
 
Se non tornavi non facevi ‘na lira di danno a Pescara quest’anno ma non potevi volevi dovevi piangevi lontano lontano dal mare dal vino da te donna che balli ancora un’ultima danza
 
E mannaggia Sambuceto
 
29 giugno 2007 – 25 giugno 2008
 
Namastè - Pescara Italia - 30 12 2008