PIANGENDO RIDERE
di Juan De Diós Peza (1852 - 1911)
traduzione e recitazione di Rodolfo de Matteis
 
Ammirando Garrick – attor d’Inghilterra –
la gente al applaudirlo gli dicea:
«Sei il più bello della terra
e il più felice…»
E il comico ridea.
 
I gran lord che di spleen si tormentavan
nelle loro più grevi e oscur nottate,
a veder il re degli attori se n’andavan,
per barattar lo spleen colle risate.
 
Una volta, da un gran medico,
un tal si presentò collo sguardo squallido:
«Soffro – gli disse - d’un mal tan terrifico
come questo volto mio così pallido.
 
»Nulla più m’incanta o mi sta attraendo;
non penso al buon nome né alla mia sorte,
in un eterno spleen, da vivo sto già morendo,
e la mia unica speranza sta nella morte».
 
– Viaggi e si distragga.
– Ho viaggiato tanto!
– Si dia alle letture.
– Ho letto tanto!
– Ami una donna.
– Sì son amato!
– Acquisti un titolo.
– Già nobile son nato!
 
– Sarà forse povero?
– Ho fortuna
– Le gustassero le lusinghe?
– Ne ascolto tante!
– Qual è la sua famiglia?
– Le mie tristezze
– Visita il camposanto?
– Tanto… tanto…
 
– La vostra vita nutre di pubblica ammirazione?
– Sì, ma non mi faccio metter in soggezione;
sol pei morti ho vera affezione;
che i vivi son la mia tribolazione.
 
– Il vostro mal mi causa tentennamento
– aggiunse il medico – ma senza paura
segua questo mio suggerimento:
ammirar Garrick sarà la sua cura.
 
– Garrick?
– Sì, Garrick… la più triste
e austera società lo cerca ansiosa;
chi lo vede si spancia in risate mai viste:
c’ha il dono d’una grazia artistica meravigliosa.
 
– E farà ridere anche me?
– Ah! Sì, ve lo giuro
egli, e nulla più, ma… perché ancor afflizione?
– Così – dice il paziente – di certo non mi curo
Garrick son io!... Dottor, mi cambi prescrizione.
 
Quanti ce ne sono che stanchi di vivere
morti di noia, malati di depressione,
come l’attor suicida gli altri fan ridere,
senza mai, pel suo stesso mal, trovar soluzione!
 
Ahi! Quante volte ridere è un piangere ancora!
Nessuno confidi dell’allegria nel riso,
perché negli esseri che il dolor divora,
l’anima soffre mentre ride il viso!
 
Se muore la fede, se fugge la calma,
se solo mestizia nel cammino è incontrata,
sale su al volto la tempesta dell’alma,
e scoppia in un lampo triste: la risata.
 
Il carneval del mondo inganna tanto,
che le nostre vite son brevi mascherate;
qui apprendiamo a rider col pianto,
e a piangere pure colle risate.
 
 
Juan de Diós Peza (1852 -1911)
Traduzione di Rodolfo de Matteis
 
 
Incontro Festival 08 - ex Aurum - Pescara Italia